Lacreme Napulitane

Mina

reproducciones 174

Mia cara madre,
sta pa trasì Natale
e a stà luntane cchiù me sape amaro...
Comme vurria allummà duie tre biangale
come vurria sentì nu zampugnaro!...
E le ninne mieie facitele o presepio
e a tavola miettite o piatto mio:
facite quanno è a sera d'a Vigilia
comme si mmiezzo a vuie stesse pur'io...
E nce ne costa lacreme st'America
a nuie napulitane...
co' nuie ca nce chiagnimmo 'o cielo 'e Napule
comme è amaro stu ppane!
Mia cara madre,
che ssò, che ssò 'e dinare?
Pe che se chiagne a Patria nun so niente...
Mo tengo quacche dollaro e me pare
ca nun so stato maie tanto pezzente!
Ma sonno tutt'e notte 'a casa mia
e d'e criature mieie ne sento 'a voce
ma a vuie ve sonno comme a 'na Maria
nt'e state 'mpietto 'nnato figlio 'ncroce.
E nce ne costa lacreme st'America
a nuie napulitane
co' nuie che ce chiangimmo o cielo 'e Napule
comme è amaro stu ppane!
M'avite scritto
che Assuntulella chiamma
chi l'ha lassata e sta luntana ancora...
Che v'aggia a dì? Si 'e figlie vonno 'a mamma
facitela turnà chella signora...
Ma no, nun torno. Me ne resto fore,
e resto a faticà pe tutte quante.
E s'aggio perso patria, casa, onore
I sò carne 'e maciello: so emigrante...
E nce ne costa lacreme st'America
a nuie napulitane
co' nuie che ce chiangimmo o cielo 'e Napule
comme è amaro stu ppane!

Terra Música feedback